Perchè non voglio distruggere la Watchtower

Kcj48ABcq-300x278Riproponiamo alcuni articoli di interesse comune che magari sono passati inosservati o a beneficio dei nuovi lettori del blog.


By Covert Fade

Io non voglio far cadere la Watchtower Bible and Tract Society.

Questo potrebbe sorprendere alcuni di voi. Se sei un Testimone di Geova che sta leggendo questo articolo, ti potrebbe essere stato detto che i cosiddetti “apostati” non desiderano altro che distruggere la tua organizzazione e cancellare la tua religione dalla faccia della terra.

Se sei un ex TdG, potresti pensare che qualcuno che passa così tanto tempo a criticare il comportamento e le politiche della Watchtower debba avere la totale distruzione di questa religione come scopo ultimo.

Beh, non è così.

Credo che la libertà religiosa sia un diritto umano fondamentale e che ognuno dovrebbe essere libero di credere in quello che vuole. Non sono d’accordo con praticamente ogni dottrina insegnata dai Testimoni di Geova, ma difendo fermamente il loro diritto di credere.

Ma traccio una linea, tuttavia, quando le dottrine religiose chiamano direttamente in causa dei comportamenti che diventano dannosi.

Continua a leggere

Annunci

I Testimoni di Geova si astengono davvero dal sangue?

blood-bag-500Molti Testimoni di Geova credono sinceramente che sia un grave peccato accettare una trasfusione di sangue, poiché la Bibbia afferma che dobbiamo “astenerci dal sangue”. (Atti 15:29) È abbastanza comprensibile che molti siano confusi dalla posizione assunta dalla Watchtower Society (WTS) rispetto ai vari componenti del sangue o prodotti ematici come albumina, eritropoietina, vaccini, immunoglobuline e trattamenti emofilici. Non si riesce a spiegare perché sia una violazione della legge di Dio accettare plasma, piastrine, globuli rossi e globuli bianchi mentre invece TUTTE le frazioni di questi componenti sono consentite dalla Watchtower. Queste contraddizioni hanno indotto un certo numero di Anziani e membri dei Comitati di Assistenza Sanitaria a dimettersi silenziosamente.

Continua a leggere

Confessione di un Ex presidente di un Comitato di Assistenza Sanitaria: una vittima può diventare carnefice

Dieter-Portrait-Wald-300x215

Dieter Parczany – Ex Presidente Comitato Assistenza Sanitaria dei TdG

Questo articolo riporta un estratto del capitolo sette di “Acquiring Freedom From Fundamentalist Religious Thinking” scritto da Dieter Parczany (con il suo pseudonimo Peter Porjohn). L’autore è un membro del team di AJWRB.

Non è facile per me scrivere la mia storia, ma è molto importante per due ragioni. Primo, perché è importante mostrare come, sotto influenza religiosa, una vittima può diventare carnefice e fare del male ad altri. In secondo luogo, voglio essere onesto nel raccontare la mia storia. Non scrivo questo per giustificazione personale o per accusare altri di tutto il male che ho fatto. Non sono solo una vittima, ho la mia parte di colpa. È vero che sono stato indebitamente influenzato ma nessuno mi ha costretto a diventare un Testimone di Geova. Questo è il motivo per cui devo anche riconoscere le mie colpe ed ammetterle apertamente.

Certo, sento di essere stato vittima di una pericolosa influenza religiosa. Il mio pensiero e la mia vita erano dettati e manipolati da una religione che pretende di essere l’unica organizzazione di Dio sulla terra. Ma questo è stato possibile perché ero disposto a credere. Essendo convinto di essere “nella verità” e abbastanza presuntuoso di conoscere la volontà di Dio, anch’io mi sono reso colpevole di aver causato danno ad altri. Sì, altre persone sono diventate vittime a causa mia. Non posso compensare la maggior parte del danno che ho fatto e provo vergogna per le cose che pensavo, dicevo e facevo. È ancora triste e doloroso per me pensare ad alcune delle conseguenze delle mie azioni.

Continua a leggere

Il problema sono i “componenti” del sangue

Manuel-his-Dad-before-Cancer-300x200.jpg

Dieter & Manuel Parczany

By Dieter Parczany

Durante l’inizio degli anni ’90, ero membro del Comitato di Assistenza Sanitaria (HLC) a Berlino, in Germania. Poiché ero un Anziano dei Testimoni di Geova con una formazione e una conoscenza particolare delle politiche sul sangue della Watchtower, ho servito come Presidente del Comitato. Ero anche completamente convinto di ciò che predicavo, tanto che ho rifiutato le trasfusioni di sangue per mio figlio di 8 anni dall’inizio della sua terapia fino alla sua morte nel 1990.

Mentre lavoravo nel HLC ero in una posizione speciale per aiutare i TdG, dato che dal 1989 al 2004 ho lavorato come assistente amministrativo nel Dipartimento di Ematologia / Oncologia presso la prestigiosa clinica universitaria Charite di Berlino. Lavorando lì ho potuto familiarizzare con gli ultimi sviluppi nell’uso del sangue e dei componenti del sangue; ho lasciato comunque l’organizzazione Watchtower nel Gennaio 1998.

Ma molto prima, nel 1974, avevo frequentato la Watchtower Bible School of Gilead. Mentre ero lì, conobbi uno scrittore senior, successivamente aiutante del Corpo Direttivo, Gene Smalley e sua moglie, Anita. Anita era originaria della mia città natale, Berlino, in Germania.

Nel 1993 o nel 1994 Gene e Anita rimasero a casa nostra, a Berlino. Durante la loro lunga visita, abbiamo avuto molte conversazioni su un’ampia varietà di argomenti organizzativi e biblici.

Durante una di quelle chiacchierate dissi a Gene che se avessimo voluto davvero continuare a interpretare Atti 15 come un comandamento di Dio di non prendere sangue, non avrebbe avuto senso interpretarlo come un comando riguardante il sangue intero e non i componenti del sangue ?

Continua a leggere

Conflitti psicologici di un paziente Testimone di Geova

symptome-depression-angoisse-stress-vaincre-1.jpgby Bonnie Zieman, M.Ed. – Licensed Psychotherapist (retired)

Di fronte ad un Testimone di Geova che deve decidere se accettare o meno trattamenti medici che coinvolgono prodotti ematici, si può osservare un comportamento incongruente, incoerente e non informato. Questo articolo fornisce informazioni sul perché queste persone potrebbero rifiutare il trattamento e suggerisce dei modi per affrontare il paziente che possono portare buoni risultati. Uno psicoterapeuta, ed ex Testimone di Geova, analizza le credenze, i tumulti interiori e le pressioni esterne sperimentate da coloro che rifiutano trattamenti medici che fanno uso del sangue.

Prendersi cura di un paziente Testimone di Geova, che si rifiuta di ricevere una trasfusione di sangue, presenta sfide etiche per i medici professionisti. Tuttavia, comprendere ciò che sta dietro a tale rifiuto, dal punto di vista del paziente, può fornire un’ opportunità per raggiungere coloro che inizialmente rifiutano il trattamento.

È possibile incontrare un paziente che apparentemente sembra rifiutare ostinatamente i prodotti ematici a tutti i costi. Ma, con ogni probabilità, questa persona sta vivendo un conflitto (conscio o inconscio) che le causa un notevole turbamento emotivo.

Continua a leggere

Protesta contro la Watchtower tra le notizie del programma W5 in Canada

images.pngBY SPIKERAYNOR

Diversi mesi fa, ho scritto un articolo con Joel Martz intitolato “A Gathering for Healing“. In quell’articolo, invitavamo tutti coloro che erano interessati a venire con noi a Warwick, New York, dove volevamo far luce su alcune delle pratiche più distruttive della Watchtower e permettere ad alcuni di condividere la loro storia. Abbiamo invitato il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ad essere presente attraverso una lettera aperta. Tuttavia, anche se nessuno del Corpo Direttivo si è presentato, molti altri lo hanno fatto, incluso il giornalista investigativo Avery Haines, del programma televisivo canadese W5, e la sua troupe. Parker Brian – “The Fateful Slave” su YouTube – ha dato un grande contributo per attirare l’attenzione dei media. Joel Martz, Gilbert Gonzalez e numerose altre persone hanno contribuito notevolmente agli sforzi per organizzare questo evento.

Il 4 novembre 2017 ci siamo incontrati tutti a Warwick NY, anche se soggiornavamo in alcune città del New Jersey. Io sono arrivato la sera prima, che era un venerdì, e molti altri sono arrivati ​​molto prima di me. Molti di noi si conoscevano già grazie alla nostra attività su YouTube nel mettere in guardia le persone su ciò che la Watchtower insegna veramente. Incontrarsi per la prima volta faccia a faccia è stato come incontrare vecchi amici che conosci da molto tempo. La ragione di ciò è che tutti noi abbiamo condiviso un’esperienza traumatica simile nelle nostre vite, anche se alcuni di noi hanno vissuto un trauma molto più grande di altri.

Suppongo che questo faccia sorgere due domande. In primo luogo, qual è stata questa esperienza traumatica e, in secondo luogo, perché è stata traumatica? Entrambe sono domande valide e, in quanto tali, cercherò di rispondere meglio che posso. Il trauma che condividevamo è duplice: in primo luogo quello di essere stati Testimoni di Geova e, in secondo luogo, il trauma di aver lasciato i Testimoni di Geova.

Continua a leggere

Bambino morto per credenze religiose

religionscience.pngGetrude Seneri (28) ha dichiarato di aver subito complicazioni durante il travaglio il 20 settembre 2017 e i medici le avevano detto che la trasfusione di sangue era necessaria per salvare sia lei che il suo bambino. La Testimone di Geova ha perso il bambino durante il parto perché lei e suo marito hanno seguito gli insegnamenti della loro religione e hanno rifiutato la trasfusione di sangue che avrebbe potuto evitare la tragedia.

Tuttavia, anche se la coppia è rimasta attaccata alle credenze religiose che hanno portato alla morte di loro figlio, il marito, Misheck Bande, ha autorizzato infine la trasfusione quando gli è stato detto che anche la vita di sua moglie era in pericolo.

Ora, la coppia ha denunciato la religione dei TdG per i suoi insegnamenti sulle trasfusioni di sangue.

Ci sono 8,3 milioni di Testimoni di Geova nel mondo ed è loro proibito accettare trasfusioni di sangue anche se fosse questione di vita e di morte.

Continua a leggere