Le due ragioni per cui i Testimoni di Geova hanno fede

Traduzione del video del fondatore di JWSurvey

Ciao a tutti. Volevo parlare un po’ con voi riguardo i motivi per cui i Testimoni di Geova credono in quello in cui credono.

Potrebbe sembrare un argomento strano. Ci sono, ovviamente, numerosi motivi per cui i Testimoni di Geova credono in quello che credono. La religione è una questione  molto complessa e ci sono numerosi  fattori, sia emotivi che intellettuali, in gioco quando si parla delle ragioni, delle motivazioni dietro la religiosità di qualcuno, indipendentemente dalla fede che professa.

Ma, arrivato a questo punto del mio lavoro di attivista, ho avuto l’opportunità di parlare con numerosi Testimoni credenti, ovviamente non sempre sapevano che io fossi un cosiddetto apostata, ma sono sempre stato interessato ad avere queste conversazioni, capire la mentalità di un credente e capire il vero motivo per cui uno crede in quello in cui crede e mi sembra che ci sono due ragioni principali per cui qualcuno è un Testimone di Geova. O, perlomeno, ci sono due motivi fondamentali, pare che non siano tutti così, ma il motivo numero uno o il principale motivo, secondo me, dovrebbe essere che è l’unica vera religione.

Potrebbe sembrare ovvio ma, perchè i Testimoni di Geova, o qualsiasi altra organizzazione, siano l’unica vera religione allora dovrà esserci stato un momento nella storia durante cui Dio ha scelto questa organizzazione.

Continua a leggere

Annunci

Come faresti a saperlo?

Traduzione del video del fondatore di JWSurvey

Ciao. Questo video è per quei Testimoni di Geova che potrebbero essere capitati su questo canale, o magari danno uno sguardo di tanto in tanto, e potrebbero essere interessati a sapere quello che persone come me, ex credenti come me, hanno da dire. Ho una domanda per te, visto che sei qui, e la domanda è: “Come faresti a saperlo?”

Ipoteticamente parlando, se… SE la tua religione fosse falsa, se l’organizzazione Watchtower si rivelasse essere una corrotta, abusante, ingannevole organizzazione, come faresti a saperlo, da quale fonte riusciresti a ricevere una tale informazione?

Continua a leggere

Gli ex Testimoni di Geova sono sempre arrabbiati?

Traduzione del video del fondatore di JWSurvey 

Ciao. Oggi vorrei parlarvi un po’ sulla rabbia, sul pregiudizio che, lasciando i Testimoni di Geova, diventerai un arrabbiato, odioso apostata vendicativo, pronto a fare del male ai suoi ex fratelli e incline a mentire ma, soprattutto, molto arrabbiato.

Ho già parlato della mia opinione sulla parola “apostata”. So che ci sono molti ex Testimoni a cui non piace essere chiamati “apostati”. Dicono “Beh, io non sono un apostata, quella parola non si applica a me” e posso capire perché lo dicono, perché c’è un enorme stigma che circonda la parola “apostata”.

Personalmente non ho problemi ad usare questa parola perché, secondo il dizionario, la definizione di apostata è semplicemente “qualcuno che ha lasciato la propria religione”. Quindi è accurato, secondo il dizionario, nel mio caso, dire che sono un apostata dei Testimoni di Geova. Io ho lasciato i Testimoni di Geova. Questa parola non dice nulla sul fatto che io sia una persona cattiva. Se ci sono elementi abusanti di quella religione o se è fuorviante o corrotta in qualsiasi modo, ecco che, lasciandola e diventando un apostata di quel gruppo, sto anzi facendo qualcosa di nobile, qualcosa di onorevole. Quindi, non c’è nessuna vergogna nell’essere un apostata.

A parte questo, volevo parlare sull’impatto emotivo nel lasciare i Testimoni di Geova. La Watchtower dà questo stereotipo, di nuovo, di persone arrabbiate, vendicative e sgradevoli e ciò che è interessante è che, almeno in parte, è vero che c’è rabbia tra gli ex Testimoni, ma oserei direi che è una rabbia giustificata. Posso anche andare oltre dicendo che, SI,  io sono arrabbiato!

Continua a leggere

I Testimoni di Geova giudicati colpevoli di dolo e negligenza: vittima di abusi risarcita con 35 milioni di dollari in una causa in Montana

Il 26 settembre 2018, una giuria del Montana composta da sette uomini e due donne, ha assegnato il più grande risarcimento danni ad una singola vittima di abusi.

La Watchtower Bible and Tract Society di New York, insieme alla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, è stata giudicata colpevole sia di negligenza che di dolo per l’omissione intenzionale di sporgere denuncia alla polizia a nome di Alexis Nunez ed altre due vittime. E’ stato valutato un risarcimento complessivo di 35 milioni di dollari, seguendo le istruzioni dettagliate fornite alla giuria dal giudice James A. Manley.

Quattro milioni di dollari sono stati assegnati al querelante Nunez per la negligenza, alla cui somma va aggiunto un verdetto punitivo di 31 milioni di dollari,  risultato della decisione della giuria che ha giudicato che la Watchtower e le sue affiliate hanno agito con dolo.

Il caso, originariamente depositato nel Novembre del 2016, è stato affidato a una giuria del Montana, dopo diversi tentativi preliminari della Watchtower di farlo archiviare. In una mozione al tribunale dell’11 settembre 2018, la Watchtower ha affermato di essere un’istituzione e le istituzioni non sono individui o persone – e solo le persone sono identificate come obbligate a presentare le denunce. Presentando questa affermazione, la Watchtower ha tentato la via della semantica per sviare la corte. E’ stato un tentativo di evitare la responsabilità per le politiche che hanno diretto gli Anziani a rimanere in silenzio quando hanno scoperto le accuse di orribili e ripetuti abusi sessuali a danno di tre membri della congregazione.

Lo statuto elenca le persone (cioè i membri del clero) come responsabili della denuncia, Montana Code Annotated § 41-3-201, ma non include le religioni o le entità utilizzate dalle religioni per svolgere le loro operazioni. – 11 settembre 2018, Mozione della Watchtower per tentare di fermare il processo in Montana

Questo articolo è il primo di una serie di articoli che documentano gli eventi del processo che potrebbe rivelarsi tra i più significativi processi di abusi sui minori dei tempi moderni.

Vorrei ringraziare Neil Smith, Ross Leonoudakis e Tracy Rector dello studio legale Nix Patterson LLP, i cui sforzi a favore delle vittime di abusi hanno inviato un potente messaggio alle Società le cui imperfette politiche non solo hanno infranto le leggi, ma hanno distrutto delle vite. Continua a leggere

I Testimoni di Geova “usano la Bibbia per colpevolizzare la vittima”, dice una sopravvissuta agli abusi

181006-moriah-smith-ew-618p_939745329bf39b8840ad8d3e02fb7b41.fit-1240w.jpg

Moriah Smith ha lasciato la religione dei Testimoni di Geova dopo che gli Anziani della chiesa le hanno voltato le spalle quando li ha avvicinati con delle accuse contro un altro membro della congregazione che l’aveva violentata quando aveva 14 anni e lui 25. Rajah Bose / per NBC News

Aveva 14 anni e, in un primo momento, sembravano solo innocenti attenzioni, come qualsiasi altra interazione amichevole che Moriah Smith aveva con i suoi fratelli in fede Testimoni di Geova durante le adunanze.

Smith non pensava alle conversazioni casuali che aveva con Elihu Rodriguez, un venticinquenne della sua congregazione di Seattle. Quando ha iniziato a ricevere dei regali, come dei vestiti nuovi e un telefono cellulare, Smith, a cui era stato insegnato dalla sua religione che il sesso è solo tra marito e moglie, non pensava di essere in pericolo di essere abusata sessualmente.

Smith dice che fu nell’Ottobre del 2012, cinque giorni prima del suo quindicesimo compleanno, che Rodriguez ebbe rapporti sessuali con lei nella camera da letto della casa in cui viveva con suo padre, un rispettato Anziano dei Testimone di Geova. Seguirono altri abusi sessuali nei successivi tre mesi, dice. Sopraffatta da attacchi di panico, vergognata e confusa, Smith non disse niente a nessuno, compresa la sua famiglia, di quello che stava succedendo.

Continua a leggere

Come lasciare tuo marito con la benedizione di Dio in 3 semplici mosse

banner.png

By Ex-JW Sisters

In un precedente articolo avevo discusso dei tre motivi per cui la Watchtower consente la separazione dal coniuge. Ho pensato molto a questo dopo averlo scritto e credo che valga la pena spendere un po’ più di tempo sull’argomento, in quanto fa luce su come vengono considerate le donne all’interno dell’organizzazione.

Per riassumere, i tre motivi sono:

  • Adulterio
  • Il coniuge non provvede materialmente alla famiglia
  • Il coniuge mette a seriamente a rischio la tua spiritualità

Continua a leggere

Cos’hai di meglio da offrire?

Traduzione del video del fondatore di JWSurvey 

Salve!

Un’obiezione comune che mi viene spesso sollevata dai Testimoni di Geova che visitano il mio canale e lasciano un commento è: “Bene, che cos’hai di meglio da offrirci? Critichi la nostra fede, la nostra religione, ma cos’hai da darci che è meglio di quello che abbiamo. Quali credenze migliori hai per sostituire le nostre?”

Continua a leggere