Beth-Sarim: La storia della Torre d’Avorio di Rutherford

beth-sarim-rutherford

Tempo fa e oggi: costruita nel 1929 principalmente per l’uso privato di Rutherford, Beth-Sarim è un monumento alle aspettative fallite e al privilegiato isolamento dalla realtà

Riproponiamo alcuni articoli di interesse comune che magari sono passati inosservati o a beneficio dei nuovi lettori del blog. Questo è di Ottobre del 2016.


By Lloyd Evans

I SERVITORI di Geova hanno davvero una ricca eredità spirituale.“- così proclama un articolo della Torre di Guardia, prima di continuare – “L’affascinante collezione di questa eredità può essere ricavata non solo da pubblicazioni ma anche da fotografie, lettere, testimonianze personali e oggetti che riguardano la nostra adorazione, la nostra opera di predicazione e la nostra storia.” (La Torre di Guardia 2012 15 Gennaio p.31)

Avendo letto una dichiarazione del genere, si può ragionevolmente concludere che TUTTI gli aspetti della storia dell’organizzazione, non importa quanto imbarazzanti, siano degni dello studio e della considerazione dei Testimoni.

Ma c’è un artefatto in questo “patrimonio spirituale” che è stato trascurato nella narrazione storica della Watchtower. Il manufatto è una residenza di San Diego conosciuta come Beth-Sarim (o “Casa dei Principi”). All’interno dei suoi mattoni e malta, Beth Sarim porta un potente ammonimento che il Corpo Direttivo, nonostante venga detto che “si interessa profondamente della nostra storia teocratica“, preferisce apparentemente ignorare.

Continua a leggere

Annunci

Aspettare Geova

wait-jehovah-image.jpg

André è stato uno zelante Testimone di Geova per oltre 30 anni. Era sposato con una “sorella” meravigliosa e hanno avuto tre figli insieme. Tuttavia, ad un certo punto, le cose iniziarono a cambiare per André. Iniziò ad avere dubbi. La sua relazione con Geova iniziò a vacillare. Alla fine lui, insieme a sua moglie e ai suoi figli, smisero di assistere alle adunanze.

Dopo aver “lasciato Geova”, André e sua moglie si separarono consensualmente e ora condividono la custodia dei figli. Dopo essere stato fuori dall’organizzazione per tre anni, un Anziano, che una volta era vicino ad André, lo contattò telefonicamente per cercare di incoraggiarlo a tornare a Geova. Ecco il resoconto di André di quella conversazione.

Continua a leggere

Tutti commettono errori, tranne la Watchtower

peter-denies-christ

Gli errori di personaggi biblici come Pietro sono contenuti nelle scritture

Riproponiamo alcuni articoli di interesse comune che magari sono passati inosservati o a beneficio dei nuovi lettori del blog.


Tutti fanno degli sbagli. I personaggi della Bibbia ne fecero. Pensate all’apostolo Pietro, il suo coraggio e la sua fede vennero meno in un momento critico e negò per tre volte di conoscere Gesù la notte del suo arresto, e come conseguenza il suo errore lo lasciò in lacrime ed emotivamente distrutto. (Giovanni 18 : 13-27 )

Pensate al re Davide, commise adulterio con Betsabea e poi, in preda al panico a motivo della gravidanza di lei, in un tentativo disperato di evitare lo scandalo orchestrò gli eventi per fare in modo che il marito di Betsabea rimanesse ucciso. (2 Samuele capitolo 11)

O pensate a Giona. Ricevette incarico da Dio di pronunciare un messaggio di condanna contro gli abitanti di Ninive, ma fuggì da tale incarico in preda al terrore più in fretta che potette. (Giona 1 : 3) Dopo che Dio fece cambiare idea a Giona attraverso un uso piuttosto umiliante dell’apparato digerente di una balena, Giona finalmente andò a Ninive ad adempiere il suo incarico  (Giona 1 : 17-2 : 2).

Continua a leggere

“Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”

jw-paris-attacks-300x300

Una ragazza mostra solidarietà tenendo alta una bandiera francese a seguito degli attacchi terroristici di Parigi che hanno causato 130 vittime

Riproponiamo alcuni articoli di interesse comune che magari sono passati inosservati o a beneficio dei nuovi lettori del blog. Questo, in particolare, è stato il post di “esordio”, nel Dicembre 2015. Buona lettura!


A seguito degli orribili attacchi terroristici a Parigi del 13 Novembre 2015, gli utenti di Facebook hanno ricevuto la possibilità di aggiornare la loro foto del profilo con una sovrapposizione composta dai colori rosso, bianco e blu della bandiera francese.

E’ ovvio pensare che coloro che hanno aggiornato i loro profili con questi colori lo hanno fatto per mostrare sincera solidarietà al popolo francese e alle vittime di un crimine raccapricciante commesso da terroristi islamici indottrinati e fondamentalisti. Poche persone percepirebbero tale gesto come un giuramento di fedeltà al governo francese.

A quanto pare, alcuni Testimoni di Geova attivi che hanno osato partecipare a queste manifestazioni di solidarietà, aggiornando i loro profili con i colori francesi, hanno rapidamente fomentato inquietudine tra i gruppi Facebook di Testimoni di Geova.

Continua a leggere

Protesta contro la Watchtower tra le notizie del programma W5 in Canada

images.pngBY SPIKERAYNOR

Diversi mesi fa, ho scritto un articolo con Joel Martz intitolato “A Gathering for Healing“. In quell’articolo, invitavamo tutti coloro che erano interessati a venire con noi a Warwick, New York, dove volevamo far luce su alcune delle pratiche più distruttive della Watchtower e permettere ad alcuni di condividere la loro storia. Abbiamo invitato il Corpo Direttivo dei Testimoni di Geova ad essere presente attraverso una lettera aperta. Tuttavia, anche se nessuno del Corpo Direttivo si è presentato, molti altri lo hanno fatto, incluso il giornalista investigativo Avery Haines, del programma televisivo canadese W5, e la sua troupe. Parker Brian – “The Fateful Slave” su YouTube – ha dato un grande contributo per attirare l’attenzione dei media. Joel Martz, Gilbert Gonzalez e numerose altre persone hanno contribuito notevolmente agli sforzi per organizzare questo evento.

Il 4 novembre 2017 ci siamo incontrati tutti a Warwick NY, anche se soggiornavamo in alcune città del New Jersey. Io sono arrivato la sera prima, che era un venerdì, e molti altri sono arrivati ​​molto prima di me. Molti di noi si conoscevano già grazie alla nostra attività su YouTube nel mettere in guardia le persone su ciò che la Watchtower insegna veramente. Incontrarsi per la prima volta faccia a faccia è stato come incontrare vecchi amici che conosci da molto tempo. La ragione di ciò è che tutti noi abbiamo condiviso un’esperienza traumatica simile nelle nostre vite, anche se alcuni di noi hanno vissuto un trauma molto più grande di altri.

Suppongo che questo faccia sorgere due domande. In primo luogo, qual è stata questa esperienza traumatica e, in secondo luogo, perché è stata traumatica? Entrambe sono domande valide e, in quanto tali, cercherò di rispondere meglio che posso. Il trauma che condividevamo è duplice: in primo luogo quello di essere stati Testimoni di Geova e, in secondo luogo, il trauma di aver lasciato i Testimoni di Geova.

Continua a leggere

“Addio Geova”, “Buongiorno Tribunale” – La Watchtower intenta una causa contro una casa editrice

goodbye-jehovah-197x300.jpgIl 29 dicembre 2017, l’avvocato della Watchtower Armin Pikl ha intentato una causa contro la Rowohlt Publishing Company, la prestigiosa casa editrice tedesca che ha prodotto l’acclamato libro Goodbye Jehovah!, scritto dall’ex Testimone di Geova Misha Verollet. Il romanzo autobiografico è sottotitolato “Come ho lasciato la setta più famosa del mondo“.

La causa segue un’ingiunzione ottenuta dalla Watchtower di redigere numerosi passaggi del libro e la distruzione di tutte le edizioni in circolazione. Rowohlt ha ignorato la richiesta della Watchtower, con la conseguente azione legale.

Goodbye Jehovah! è stato pubblicato nel 2014 dall’autore Misha Anouk (pseudonimo) ed è stato ben accolto in Germania, raggiungendo il 22° posto nella lista dei best-seller tedeschi. L’attenzione dei media si è diffusa in tutta la Germania, la Svizzera e l’Austria, portando a numerose apparizioni televisive, articoli ed interviste radiofoniche. Mentre stava avendo un chiaro successo in Europa, più di tre anni dopo l’organizzazione dei Testimoni di Geova ha deciso di contestare un libro che stava apparentemente avendo degli effetti sui fedeli di lingua tedesca.

Continua a leggere

Armaghedon: Cos’è?

wp_I_20120201_lg.jpg

Secondo la narrativa Watchtower, l’evento scatenante dell’Armageddon avverrà quando l’ONU si scaglierà contro tutte le religioni e le distruggerà, tutte tranne i Testimoni di Geova, naturalmente. Quando l’ONU rivolgerà la sua distruttiva attenzione alla religione Watchtower, il Figlio di Dio, Gesù, interverrà e distruggerà l’ONU insieme a tutti gli altri governi del mondo. Quindi Gesù, insieme ai 144.000 “unti” Testimoni di Geova (che saranno andati in cielo), ucciderà chiunque al mondo non sia un Testimone di Geova (sì, inclusi quasi 2 miliardi di bambini e neonati).

Alla fine, quando tutti gli altri saranno morti, i Testimoni di Geova inizieranno il lavoro di smaltimento di miliardi di cadaveri. Ma in questa massiccia e raccapricciante impresa avranno un aiuto.

Sempre secondo la narrativa Watchtower, saranno creati nuovi corpi in cui verranno iniettati i ricordi e le personalità di tutti coloro che erano morti (a parte quelli che sono stati uccisi all’Armageddon). Questa è la versione Watchtower della risurrezione. Non mi è mai stato chiaro perché Geova dovrebbe creare questi replicanti di persone morte da tempo. Non è rispettoso per quelle persone morte che ci siano in circolazione dei loro surrogati con i loro ricordi; quelle persone resteranno ancora morte per sempre e inconsapevoli di questi impostori.

Ora, se hai finito di ridere della visione del futuro della Watchtower, possiamo chiederci: quanto è credibile questo scenario?

Iniziamo concentrandoci sull’evento scatenante: la distruzione delle religioni da parte delle Nazioni Unite.

Continua a leggere