Watchtower, genocidio e Armageddon

WatchtowerArmageddon-300x300

La visione del mondo dei Testimoni di Geova ruota intorno all’Armageddon

Quando ero un Testimone di Geova, non mi piaceva parlare dell’Armageddon.

Non fraintendetemi, mi piaceva parlare del paradiso. A chi non piacerebbe? Parlavo entusiasticamente a chiunque mi chiedesse, persone che contattavo a casa, interessati alle adunanze, compagni di lavoro curiosi, riguardo al meraviglioso futuro che ci attendeva. Adoravo parlare di un mondo libero dalla guerra, libero dalla criminalità, pieno di incredibili avventure che una pacifica, unita razza umana avrebbe goduto per sempre.

Ma quando la gente mi chiedeva come Dio avrebbe portato questi cambiamenti, sui dettagli mi trovavo sempre a dare spiegazioni un po’ vaghe e confuse.

Voglio dire, come si fa a spiegare: “Beh, prima Dio ha bisogno di uccidere te e tutti quelli che ami, a meno che naturalmente non vi convertiate” senza apparire almeno un po’ estremista?

Continua a leggere

Ostracismo: una pratica nociva in cui tutti, in definitiva, risultano sconfitti

shunning3-300x300

La Commissione Reale Australiana ha evidenziato la crudeltà della politica dell’ostracismo della Watchtower

Si è scritto molto sulle vicende australiane e in particolare sulla testimonianza di Geoffrey Jackson alla Commissione Reale. Ma spero che vogliate soffermarvi con me nel rivisitare ciò che è accaduto, soprattutto alla luce della difesa della Watchtower contro le Conclusioni di Angus Stewart.

La testimonianza di Jackson ha permesso di dare alla Commissione, e all’intero popolo di Internet, uno sguardo all’interno di un miliardario gruppo ad alto controllo. La sua presenza  è stata un evento senza precedenti, soprattutto se si considera che uno dei suoi colleghi è stato recentemente accusato di aver voluto eludere una citazione in giudizio in America.

La Commissione ha voluto subito chiarire a Jackson che lo scopo dell’audizione era benevolo e non doveva essere interpretato come un attacco. Lui ha accettato con tutto il cuore questa premessa e ha detto alla Commissione che era felice di testimoniare.

Continua a leggere

Perchè parlare?

speak-out2-300x300

Spesso, parlando con amici e conoscenti, mi viene chiesto: “Perché? Perché ti interessa quello che fanno i Testimoni? Perché ti preoccupi di scrivere articoli o aiutare il movimento degli ex-TdG? Perché semplicemente non vai avanti e dimentichi tutto?”

Sono sicura che anche ad alcuni di voi leggendo articoli come questo saranno venute domande simili.

Per l’osservatore occasionale, i Testimoni di Geova sono nel migliore dei casi un gruppo di persone simpatiche, nel peggiore degli scocciatori che vengono alla tua porta con un messaggio del giorno del giudizio. La persona media non classificherebbe la Watchtower come pericolosa. Tuttavia, semplicemente non è così. Ed è per questo che parlo.

Continua a leggere

I Giudici di Filadelfia ritengono “scorrette” le tattiche legali della Watchtower

watchtower2-300x300

La Watchtower si è svergognata in un caso di abusi sui minori prima ancora che il processo abbia avuto inizio

Sembra che difficilmente puoi muoverti su internet in questi giorni senza incappare in un nuovo caso in cui la Watchtower deve difendere in tribunale ancora una volta il suo modo di gestire gli abusi sui minori.

Penso che questo avvenga per tre ragioni principali:

Uno: a causa di una combinazione di indebita ingerenza nella vita delle persone, rigida aderenza a delle leggi scaturite da un’interpretazione delle scritture eticamente antiquata e accademicamente dubbia, e addirittura consapevole negligenza, la Watchtower ha creato nelle sue congregazioni un ambiente che è stato descritto dal Consulente della Commissione Reale Australiana come “la tempesta perfetta per gli abusi“.

Continua a leggere

Geova controlla il clima?

 

weather-300x300

La Watchtower sta dichiarando sempre più spesso che Geova manipola il clima a suo favore

“Quanti dei nostri fratelli sono stati colpiti?” Durante i miei anni come Testimone di Geova, questa era di solito la prima domanda sulle labbra di amici e familiari ogni volta che si veniva a conoscenza dei rapporti sulle conseguenze di un disastro naturale.

La letteratura Watchtower specifica spesso che i testimoni non sono affatto immuni da catastrofi naturali, affermando anche che tali calamità sono la prova che stiamo vivendo negli ultimi giorni.

Una scrittura spesso indicata quando si verifica un disastro naturale è Ecclesiaste 9:11, in cui il re Salomone dichiara che “il tempo e l’avvenimento imprevisto” capitano a tutti.

Continua a leggere