L’amore e la giustizia ci proteggono dalla malvagità

child-abuse-jws.jpg

Analisi delle dichiarazioni dei testimoni di Geova riguardanti la protezione dei minori

Geova Dio odia ogni tipo di malvagità“, recita la frase di apertura dell’articolo di studio della Torre di Guardia di Maggio 2019. Il titolo dell’articolo è “L’amore e la giustizia ci proteggono dalla malvagità“.

Questa frase di apertura rivela la difficoltà nell’esaminare le credenze e le pratiche religiose e il linguaggio usato per supportare tali credenze. Spesso è soggettivo. Cos’è la malvagità? Chi è responsabile della sua definizione?

JWSAL-300x300-2-1.jpg

Per la stragrande maggioranza dell’umanità, la “malvagità” potrebbe essere identificata con genocidio, omicidio, pregiudizio, omofobia o persino l’uccisione di animali. Eppure per le religioni fondamentaliste, questi mali della società diventano in qualche modo “volontà di Dio” quando la definizione di “malvagità” viene data dagli uomini che guidano tali religioni.

Questo articolo esamina il linguaggio accuratamente programmato dell’articolo della Torre di Guardia che sarà studiato nelle congregazioni dei Testimoni di Geova in tutto il mondo Domenica 14 luglio 2019.

Il mondo è cambiato rapidamente negli ultimi 20 anni. I social media, la tecnologia e il giornalismo investigativo si sono fusi in una forza potente per denunciare gli abusi sui minori e il massiccio insabbiamento globale da parte di religioni e altre istituzioni.

I Testimoni di Geova sono attualmente sotto inchiesta in diversi paesi e giurisdizioni per aver occultato documenti che rivelano che loro Anziani e alti funzionari non hanno denunciato abusi sui minori sin dall’inizio di questa religione.

Continua a leggere

Annunci

“Anziano” dei Testimoni di Geova arrestato per quattro abusi su minori

Roderick-Watkins_mugshot.jpg

Roderick G. Watkins

Un ex Testimone di Geova e membro del Quartier Generale è in attesa di essere processato a Luglio dopo il suo arresto sulla base di quattro capi d’accusa di violenza sessuale di secondo grado. Roderick G. Watkins, 56 anni, di Heber Springs Arkansas, è stato preso in custodia in seguito ad un mandato di arresto emesso il 21 Novembre 2018 dal Tribunale di Cleburne County.

Le accuse contro Watkins derivano dalle denunce di aggressione sessuale su almeno quattro vittime di minore età, racconti che sono stati portati all’attenzione del Detective Jenifer Osborn, del Dipartimento dello Sceriffo della Contea di Cleburne.

Tutte le vittime ascoltate sembrano essere collegate a Watkins tramite le Congregazioni locali dei Testimoni di Geova dell’Arkansas, dove Watkins era un Anziano conosciuto e rispettato. I rapporti indicano che i bambini molestati avevano un’età compresa tra i 6 e i 16 anni al momento dei crimini.

Il Detective Osborn ha documentato la sequenza temporale che ha portato all’arresto, che inizia con una conversazione dettagliata con un residente locale e madre della prima vittima.

Continua a leggere

I Testimoni di Geova tentano una nuova strategia legale per combattere le accuse di pedofilia: chiamarle incesto

Shhh

By Mark O’Donnell | April 18, 2019

 

La Watchtower ha affermato che la maggior parte dei casi di abuso di minori tra i Testimoni di Geova sono casi di incesto.

Il motivo non è che questa affermazione sia necessariamente vera: è una posizione legale strategica.

Sostenendo che molti casi di pedofilia tra i TdG sono rapporti incestuosi, tentano di nascondere i nomi degli autori degli abusi. La loro tesi è che, rivelando i nomi dei pedofili, si scoprirebbero anche i nomi delle vittime, poiché sarebbe facile fare il collegamento tra un parente e la vittima.

Lo scorso agosto è stata presentata una causa federale da un avvocato Mormone per conto di almeno sei Testimoni di Geova attivi che sostenevano che l’esposizione dei loro nomi (nei documenti del tribunale) li avrebbe danneggiati irreparabilmente.

Continua a leggere

I Testimoni di Geova giudicati colpevoli di dolo e negligenza: vittima di abusi risarcita con 35 milioni di dollari in una causa in Montana

Il 26 settembre 2018, una giuria del Montana composta da sette uomini e due donne, ha assegnato il più grande risarcimento danni ad una singola vittima di abusi.

La Watchtower Bible and Tract Society di New York, insieme alla Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, è stata giudicata colpevole sia di negligenza che di dolo per l’omissione intenzionale di sporgere denuncia alla polizia a nome di Alexis Nunez ed altre due vittime. E’ stato valutato un risarcimento complessivo di 35 milioni di dollari, seguendo le istruzioni dettagliate fornite alla giuria dal giudice James A. Manley.

Quattro milioni di dollari sono stati assegnati al querelante Nunez per la negligenza, alla cui somma va aggiunto un verdetto punitivo di 31 milioni di dollari,  risultato della decisione della giuria che ha giudicato che la Watchtower e le sue affiliate hanno agito con dolo.

Il caso, originariamente depositato nel Novembre del 2016, è stato affidato a una giuria del Montana, dopo diversi tentativi preliminari della Watchtower di farlo archiviare. In una mozione al tribunale dell’11 settembre 2018, la Watchtower ha affermato di essere un’istituzione e le istituzioni non sono individui o persone – e solo le persone sono identificate come obbligate a presentare le denunce. Presentando questa affermazione, la Watchtower ha tentato la via della semantica per sviare la corte. E’ stato un tentativo di evitare la responsabilità per le politiche che hanno diretto gli Anziani a rimanere in silenzio quando hanno scoperto le accuse di orribili e ripetuti abusi sessuali a danno di tre membri della congregazione.

Lo statuto elenca le persone (cioè i membri del clero) come responsabili della denuncia, Montana Code Annotated § 41-3-201, ma non include le religioni o le entità utilizzate dalle religioni per svolgere le loro operazioni. – 11 settembre 2018, Mozione della Watchtower per tentare di fermare il processo in Montana

Questo articolo è il primo di una serie di articoli che documentano gli eventi del processo che potrebbe rivelarsi tra i più significativi processi di abusi sui minori dei tempi moderni.

Vorrei ringraziare Neil Smith, Ross Leonoudakis e Tracy Rector dello studio legale Nix Patterson LLP, i cui sforzi a favore delle vittime di abusi hanno inviato un potente messaggio alle Società le cui imperfette politiche non solo hanno infranto le leggi, ma hanno distrutto delle vite. Continua a leggere

I Testimoni di Geova “usano la Bibbia per colpevolizzare la vittima”, dice una sopravvissuta agli abusi

181006-moriah-smith-ew-618p_939745329bf39b8840ad8d3e02fb7b41.fit-1240w.jpg

Moriah Smith ha lasciato la religione dei Testimoni di Geova dopo che gli Anziani della chiesa le hanno voltato le spalle quando li ha avvicinati con delle accuse contro un altro membro della congregazione che l’aveva violentata quando aveva 14 anni e lui 25. Rajah Bose / per NBC News

Aveva 14 anni e, in un primo momento, sembravano solo innocenti attenzioni, come qualsiasi altra interazione amichevole che Moriah Smith aveva con i suoi fratelli in fede Testimoni di Geova durante le adunanze.

Smith non pensava alle conversazioni casuali che aveva con Elihu Rodriguez, un venticinquenne della sua congregazione di Seattle. Quando ha iniziato a ricevere dei regali, come dei vestiti nuovi e un telefono cellulare, Smith, a cui era stato insegnato dalla sua religione che il sesso è solo tra marito e moglie, non pensava di essere in pericolo di essere abusata sessualmente.

Smith dice che fu nell’Ottobre del 2012, cinque giorni prima del suo quindicesimo compleanno, che Rodriguez ebbe rapporti sessuali con lei nella camera da letto della casa in cui viveva con suo padre, un rispettato Anziano dei Testimone di Geova. Seguirono altri abusi sessuali nei successivi tre mesi, dice. Sopraffatta da attacchi di panico, vergognata e confusa, Smith non disse niente a nessuno, compresa la sua famiglia, di quello che stava succedendo.

Continua a leggere

Perchè non voglio distruggere la Watchtower

Kcj48ABcq-300x278Riproponiamo alcuni articoli di interesse comune che magari sono passati inosservati o a beneficio dei nuovi lettori del blog.


By Covert Fade

Io non voglio far cadere la Watchtower Bible and Tract Society.

Questo potrebbe sorprendere alcuni di voi. Se sei un Testimone di Geova che sta leggendo questo articolo, ti potrebbe essere stato detto che i cosiddetti “apostati” non desiderano altro che distruggere la tua organizzazione e cancellare la tua religione dalla faccia della terra.

Se sei un ex TdG, potresti pensare che qualcuno che passa così tanto tempo a criticare il comportamento e le politiche della Watchtower debba avere la totale distruzione di questa religione come scopo ultimo.

Beh, non è così.

Credo che la libertà religiosa sia un diritto umano fondamentale e che ognuno dovrebbe essere libero di credere in quello che vuole. Non sono d’accordo con praticamente ogni dottrina insegnata dai Testimoni di Geova, ma difendo fermamente il loro diritto di credere.

Ma traccio una linea, tuttavia, quando le dottrine religiose chiamano direttamente in causa dei comportamenti che diventano dannosi.

Continua a leggere

Anziani Testimoni di Geova multati per non aver denunciato abusi su minori: la Watchtower concilia con lo Stato del Delaware

delaware-courthouse-300x113.jpgI Testimoni di Geova del Delaware hanno pagato $ 19.500 in multe per omissione di denuncia di abusi su minori.

Il 18 gennaio 2018, gli avvocati che rappresentavano i Testimoni di Geova hanno firmato un accordo formale con lo Stato del Delaware, concludendo un caso storico in cui due Anziani e una Congregazione sono stati ritenuti responsabili di non aver denunciato una relazione sessuale tra un adulto e un 14-enne.

Questo caso è unico, importante e, probabilmente, costituirà un precedente per altri Stati.

Secondo i termini dell’accordo, i Testimoni di Geova hanno pagato un totale di $ 19.500 al Dipartimento di Giustizia del Delaware e al Corpo degli Anziani della Congregazione di Laurel, Delaware, è stato imposto di partecipare al programma di formazione Stewards of Children e pagarne i relativi costi.

Un terzo requisito imposto dal Delaware comprendeva la firma di una dichiarazione giurata secondo la quale gli Anziani dei Testimoni di Geova si impegnano a rispettare tutti gli statuti del Delaware che riguardano la denuncia di abusi su minori. Tra i requisiti, il Coordinatore del Corpo degli Anziani, William Perkins, ha convenuto che le comunicazioni con un minore relative a questioni di abusi non saranno considerate come “confessioni penitenziali“. Questo è significativo, dal momento che gli avvocati dei Testimoni di Geova avevano tentato di rivendicare i privilegi clericali a difesa dell’omissione di denuncia.

Continua a leggere